Using QGIS for urban planning in the municipality of Montecchio Maggiore, Vicenza, Italy

Montecchio Maggiore is a small town in the middle west of Vicenza (about 24.000 population). And as many other italian municipality it manages the town planning; in particular the urban planning and what we call “recovery plan” aka PDR — Piani Di Recupero. This urbanistic tool is dedicated to the historical area in the center of the town and it requires a specific study: building state of conservation, intended use, particular historical notice via survey and restitution to produce planimetric and prospectus graphics. For this purpose it has used QGIS in addition to Postgresql/Postgis database, PHP code and Libreoffice suite, QCAD (LibreCAD).

L’obiettivo

Workflow Schema

Diagramma del flusso di lavoro

Un diagramma chiarirà il flusso di lavoro:

Ogni edificio è stato visionato attraverso un rilievo in campo e schedato su un modulo cartaceo. Una volta in ufficio, i dati sono stati inseriti all’interno di un database database PostgreSQL/PostGIS attraverso un modulo PHP, utilizzando un comune browser web (Firefox o Iceweasel). In un secondo momento, la geometria di ogni edificio è stata disegnata utilizzando QGIS, ed è stata collegata alla tabella del rilievo attraverso il campo «id» (vista di PostgreSQL/PostGIS).

Nello stesso tempo, sono state restituite le facciate degli edifici utilizzando QCAD (LibreCAD).

I Piani di Recupero (PDR) dovevano seguire regole ben precise che richiedevano disegni specifici:

  • Stato dell’arte
  • Stato di progetto
  • Destinazione d’uso (attuale)
  • Destinazione d’uso (di progetto)
  • Tipo di intervento consentito

For every graphic thematic maps were produced using the attribute and data retrieve during the survey (for the present state) and data modified during the study and design fase.

Thus a photo was linked to every building facilitating the design and analisys in the gis project (using the “action” feature). The SQL tools (pgquery, postgis manager, dbmanager et al.) allowed to obtain very sophisticated query immediately viewable in the map canvas such as: volume calculation split by building intended use, standards area calculation in percentage of the total planning area and other minor queries. All useful items for the design and planning study otherwise not possible without a very strength tool like gis (and QGIS in particular).

QGIS project with building data viewing

Progetto di QGIS con visualizzate le informazioni sugli edifici

Infine, è stato prodotto un report di sintesi per ciascun edificio utilizzando la suite LibreOffice. Il report consiste in una scheda riepilogativa con fotografie, estratto di mappa con evidenziato l’edificio all’interno del suo contesto e i dati dello stato dell’arte dello stesso.

QGIS print composer for final graphic layout

Layout finale all’interno del gestore di stampa di QGIS

Conclusioni

The strength of QGIS is the very user friendly interface coupled with the several tools it offers. The connection with vary data formats (shape files, spatialite db, postgresql/postgis db,…) facilitates and increases the interoperability between different worlds. And thus the freedom offered by the free software (QGIS, PHP, Libreoffice, QCAD) stimulates and open new horizons.

And last but not least: we worked on different platform (Windows 7 64 bit, Windows xp 32 bit, Debian server and Debian client) but we never encountered insurmountable problems.

Autore

Flavio Rigolon

Flavio Rigolon

Questo articolo è stato scritto nel Maggio 2012 da Flavio Rigolon. L’autore vive a Vicenza (Italia) e lavora presso il Comune di Montecchio Maggiore come Responsabile SIT. Si è occupato del trasferimento di pressoché tutti i dati del sistema informativo territoriale da piattaforme proprietarie a libere (QGIS, PostgreSQL/PostGIS, Spatialite). Dal 2007 è membro di GFOSS.it (Associazione Italiana per l’Informazione Geografica Libera) ed è stato membro del consiglio GFOSS.it dal 2010 al 2012.